(IN) Netweek

ALESSANDRIA

E gira la terra... Nessun dorma

Share

Se è vero, come è vero, che l'unione fa la forza, nessun dorma. E' il momento di esserci tutti, di indossare le divise della dignità e del coraggio, a nessuno calzerà a pennello, si sa, ma per una volta non ci faranno caso. E trascinando i piedi negli scarponi troppo grandi, sempre troppo grandi, della solidarietà, che scappano e li perdiamo, e restano indietro sul sentiero, proviamo a raggiungere l'Agorà. Lì c'è vita, si scambiano le merci, e i sorrisi sono a buon prezzo, qualcuno li regala. Andiamo oltre, cerchiamo il mare, il mare della solitudine. Si può annegare in una goccia, se nessuno ti asciuga gli occhi. Ho pianto e riso nella mia vita a metà disegnata, e ho sognato mondi sfumati, non bianchi, non neri, sfumati. Ma tutto questo rosso abbaglia la vista, confonde i sensi, non è più un sogno; oltre non c'è più nulla, si sprofonda nell'oblio. Certo in alto c'è ancora la luna che è di tutti, di tutti e di nessuno. Come dovrebbe essere questa sfera colorata che ci ospita, dove non c'è più magia, dove i più non cercano di vedere il futuro, perché fa paura. Io non ho paura. Perché i miei figli la leggono nei miei gesti incerti, nei sospiri troppo lunghi, e non può essere questo il mio regalo per loro. Voglio risorgere dalle ceneri di un soldato che si sta rassegnando a perdere la battaglia,e  voglio vincere la guerra. Il mio reggimento è la fuori, dobbiamo indossare la divisa, non importa se ci cadrà di dosso, se all'inizio perderemo gli scarponi, siamo un esercito rassegnato in tempo di guerra, non siamo sicuri di voler combattere.

Però

Dovunque c'è l'ingiustizia

E non c'è più il domani...

E ora il gioco si è fatto duro

Nessun dorma

Leggi tutte le notizie su "Alessandria7"
Edizione digitale

Autore:tvl

Pubblicato il: 21 Marzo 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.