(IN) Netweek

ALESSANDRIA

La protesta delle vetrine continua: "Correggere l'imposta sulla pubblicità "

Share

"Dopo la conferenza stampa di lunedì scorso in Confesercenti, che ha evidenziato la totale disponibilità della Sindaca Rossa, dell'Assessore Abonante e dei parlamentari Borioli e Fornaro a intervenire subito per correggere le storture interpretative legate al decreto Legislativo ed al regolamento comunale per l'imposta sulla pubblicità, chiediamo ufficialmente all 'Amministrazione comunale di convocare in tempi strettissimi una riunione operativa. Scopo dell'incontro sarà l'individuazione di elementi semplificativi e di buonsenso che servano a stabilire con chiarezza nuovi parametri per l'applicazione della legge in materia, prima della data della scadenza dell'imposta per l'anno corrente, fissata al 29 febbraio". Lo chiede Manuela Ulandi, presidente di Confesercenti di Alessandria, dopo il "pasticcio" sull'imposta pubblicitaria, che si è trasformata in una protesta delle vetrine spoglie. I commercianti per evitare di pagare imposte ritenute troppo esose hanno raschiato via dalle vetrine tutte le scritte, da "saldi" alle vetrofanie sui servizi offerti all'interno. "I nostri imprenditori chiedono soltanto di poter esercitare il sacrosanto diritto di lavorare. Oggi essere lavoratori autonomi è ormai davvero "un'impresa". I commercianti si aspettano che le Istituzioni siano al loro fianco per la formulazione di regole comprensibilmente applicabili e non interpretabili".

Leggi tutte le notizie su "Alessandria7"
Edizione digitale

Autore:png

Pubblicato il: 04 Febbraio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.